Tricotteri o per meglio dire: Sedge


Sono da sempre affascinato da questi piccoli abitanti del fiume ed ovviamente, provo a riprodurli più o meno fedelmente, al meglio delle mie possibilità, cercando di mantenere un buon grado di imitatività insieme alla funzionalità ed all'efficacia in pesca.
A differenza delle imitazioni di effimera, a mio avviso le sedge offrono un'infinita possibilità di variare la tipologia del dressing.
Cambiando materiali e tecniche costruttive si possono ottenere una miriade di modelli diversi, ognuno con proprie caratteristiche e punti di forza.
Qui di seguito l'ultimo "uscito" dalle pinze del morsetto.
Si tratta di una "Autumn sedge" che vorrebbe imitare un Halesus radiatus o un H. digitatus, entrambe specie appartenenti al genere Halesus, della Famiglia Limnephilidae, la più numerosa dei tricotteri.

Amo: AK507 BL #12
Filo: orange
Addome: seta floss orange
Sottoala: dubbing di cul de canard montato ad asola
Ali: piuma di English Partridge
Torace: dubbing di pelo di foca tinto orange
Antenne: Herl di fagiano



Commenti

Post popolari in questo blog

Appunti di storia della Pesca a Mosca. Dall'era antica all'Inghilterra del XVIII Secolo.